Lascio al mio giardino un cuore
Sotterrato sotto metri
Tra aerei nel cielo
E rugiada nel prato

Non so a chi andrà la gloria
Di assaporare i suoi colori
Assopiti in campi verdi
Assonnati tra il canto dei grilli
E la furia estiva dei lampi

Dove in anni verdeggianti
Correvo stanco tra le braccia di mamma
Dopo sedute incessanti al ceppo
Dell'albero mio, la quercia Alberto
Così la chiamai io, che ora non c'è più

Sapete, gli alberi son grandi psicologi
Come le loro radici formicolan la terra
E le loro braccia ti salutano dai monti
Nei giorni di aquiloni ti anneghi
Ti tramonti e ci ritorni
Tra le voci della tua corteccia
Quella in testa, però
Che molle non rimane
Alla festa che è la memoria
Dei vecchi giorni
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ealain  

Questo autore ha pubblicato 41 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Grazia Savonelli
# Grazia Savonelli 04-02-2022 05:39
Bella ed intensa

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.