Chiedo scusa alla sensibilità di ciascuno, ma sono troppo arrabbiato per quello che sta succedendo nella nostra Italia 


Assistiamo giornalmente
Dal loggione o galleria
Alla scena deprimente
Di una triste parodia
 
La commedia e i commedianti
Stanno lì senza fervore
Nella recita che in tanti
Stan facendo con orrore
 
Come se sullo scenario
Di un paese disgraziato
Loro alzassero il sipario
Per nascondere il misfatto
 
Li guardiamo come scemi
Farsi i propri comodacci
Senza onore senza freni
Perché siamo poveracci
 
Mentre fuori si combatte
Per un pezzo di pagnotta
Loro recitano a rate
Brutti figli di mignotta
 
Questo popolo che ha fame
Che li vede recitare
Sta di sotto ad un reame
Che fa solo vomitare
 
Ma gli attori sono loro
E il teatro è sempre pieno
Ti convincono che è oro
Ogni goccia di veleno.
 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: nabrunindu  

Questo autore ha pubblicato 368 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

amilcare stunf
+2 # amilcare stunf 10-12-2013 22:59
distinto
nabrunindu
+1 # nabrunindu 11-12-2013 11:19
grazie per averla almeno letta(non LUI) voce del verbo leggere.
Demetrio Amaddeo*
# Demetrio Amaddeo* 11-12-2013 15:12
Nessuno potrebbe darti torto
nabrunindu, ma ti chiami veramente cosi?
forever
nabrunindu
+1 # nabrunindu 11-12-2013 16:16
ciao demetrio, grazie di essere passato per questi ottonari dove uso parole a me non consone, ma ieri ero disgustato per chi deve decidere, parlano di tutto tranne che della gente che muore di fame, bada bene in Italia, e poi guardiamo tutti gli affamati del mondo. chi è il prossimo tuo? la miseria sta qui, a quanto vediamo nei servizi giornalieri. mi chiamo nanni, un saluto!
man son
+1 # man son 11-12-2013 18:45
complimenti per la tua voce
nabrunindu
# nabrunindu 12-12-2013 11:16
grazie man son.
tempo di poesia
+1 # tempo di poesia 11-12-2013 19:02
...è tutto purtroppo vero...grazie nanni
nabrunindu
# nabrunindu 12-12-2013 11:19
verissimo purtroppo, ma quello che mi fa più rabbia è quando dicono che non c'è lavoro! ma sono tutti ciechi? argini di fiumi da mettere in sicurezza, centri storici da risanare (per terremoti), palazzi fatiscenti dove crollano gli intonaci, strade da sistemare, ospedali da far funzionare, etc..etc..ma cosa credono che le calamità naturali sono finite? magari! quindi c'è o non c'è il lavoro? scusa dello sfogo!
Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 11-12-2013 19:25
Fanno davvero arrabbiare tutti questi LADRI che ci governano.....m a in realtà non ci governano, stanno li solo per prendere soldi e fregarsene di chi muore di fame,bravissimo Nanni. :-)
nabrunindu
# nabrunindu 12-12-2013 11:22
infatti è così, vivono sotto una campana di vetro, ciechi sordi (non muti).e la gente muore di fame, ma non in Nigeria o in Uganda, qui, sono buoni soltanto a lanciare allarmi disperati che tutto va male, ma poi nessuno fa niente, e danno le colpe agli "altri".
Paolo Galli
# Paolo Galli 11-12-2013 20:35
Faccio richiesta per la pubblicazione su "il fatto quotidiano"! Naturalmente scherzo, ma tu sei stato geniale!! :)
nabrunindu
# nabrunindu 12-12-2013 11:22
e perchè no? ci facciamo sentire come club anche a livello nazionale.ciao!
poesie profonde*
# poesie profonde* 23-12-2013 13:54
Sei un mito, bravissimo davvero, Nanni. Grazie.....

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.