Ascesa irta e mai clemente è questa,
neanche un giglio intimidito ai cigli.
Dietro, seccate già, le gocce di sudore
e buche qua e là per sotterrare le paure.

Piedi di fata vorresti adesso avere,
incrementare il passo in un voilà,
raggiungere la tua parziale meta
e riposare all’ombra del ciliegio.

Fatta poi la benedetta sosta,
di buona lena riprenderai il cammino
sui tuoi talloni duri, amico mio,
dacché magia è passata e anche la fortuna.

E ancora nulla è liscio sotto i piedi,
sempre più la vedi crescer la fatica.
Succederà che tu dovrai anche pregare
senza nessun tergiversare tra le more.

Ma il goal arriva, dai, stai tranquillo,
magar per un errore commesso dalla sorte,
fosse anche a tempo ormai scaduto.
Ma arriva! E vinta la partita tu avrai.

*
Stesura del 1994
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 446 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Catilina
# Catilina 21-02-2023 12:27
Alta professionalità , come di consueto...

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.