Col rischio di tritar notti d’incanto

emerse nel guado d’una lunga estate

o di un almeno promettente inverno, 

quando così dovesse lei arrivare,

alba fiammante aspetterò paziente.

 

Deve esser - lei - titana affezionata,

longeva al punto tal da soppiantare

mattino, pomeriggio e sera insieme,

senza pietà, seppur con rivelato garbo.

 

Ammesse da natura sconosciuta,

dovrà dotarsi d’eclatanti luci

che annuncino l’addio e per sempre

a tenebre, assassine, puntualmente.

 

Quando così dovesse lei arrivare,

cancellerò le mille mie paure,

di queste geometrie gli acuti

che mai allargo così come vorrei.

 

Quando così dovesse lei arrivare,

diventerò il più infallibile dei pescatori

e senza esche e senza reti me ne uscirò

a catturar con mano le mie prede...

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aurelio Zucchi  

Questo autore ha pubblicato 227 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Aita Carla
# Aita Carla 11-01-2020 22:33
Molto soddisfatta di questa lettura: un testo che mi ha sapientemente catturata. Complimenti!

Carla
Aurelio Zucchi
# Aurelio Zucchi 12-01-2020 12:40
Grazie Carla!
Ciao
Aurelio

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.