Ho quasi sempre avuto fretta
di amare
ma i tempi immobili dei miei amori
mi hanno talvolta paralizzato
le ali.
Crescere è davvero così difficile
si fa prima ad invecchiare
bisogna purgarsi
dal vomito delle buone intenzioni
fare a meno di dirsi tutto
di mettersi a nudo
svelando la propria anima.

Tu m'insegni allora
che il dono di sé
va centellinato
ed io, la pazza senza freni
la Sfinge dalle belle labbra
la Baccante senza pudore
ho bisogno delle briglie del ritegno.
Voi tutti, amori miei
che ho amato di un unico amore
m'insegnate tutto questo:
quello che mi hai dato
me lo prendo
senza chiederti il permesso.
E continua
quest'orrendo gioco al massacro:
tu mi dai sempre Shah Math.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Laura Bocci  

Questo autore ha pubblicato 24 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Manuele*
# Manuele* 01-11-2020 10:57
Mi piace, ci sono passaggi che fanno riflettere come l'inizio della seconda stanza. I versi "Crescere è davvero così difficile/si fa prima ad invecchiare" potrebbero essere da soli un aforisma azzeccatissimo. Comunque nel complesso piacevole e interessante. Grazie

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.