Cieli
per giorni e giorni uguali,
svogliate e inaffidabili chimere
quando l’unico colore percepito
è un fondo di cravatta da indossare.

Li ho visti
aprirsi insieme in sincronia
coi fuochi dei sorrisi innamorati.
Ricordo ben d’averli anche indicati
a donna amore che mi stava a fianco.

Li ho visti
dall’alto dei vent’anni
vincere le nubi e all’angol relegarle
come educande umiliate e offese
mandate in fretta dietro la lavagna.

Cieli
che, incazzati, chiudono i battenti
e grandi e grossi si fanno metter sotto
dal primo accenno d’ingarbugliata pioggia
o dal malessere di questo loro figlio.

Li ho visti, poi,
rompere ogni plumbeo assillo,
apparecchiare feste sotto il sole
nel cuore d’attimo d’una felicità sublime
ed invitarmi a prender posto al desco.

Cieli
malinconie d’azzurro smascherate
che a farsi belli pelano le stelle
e scippano la luna da dietro le montagne
per obbligarmi alle romantiche manie.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 310 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.