Un trionfo annunciato… il tour del regno,

ogni metallo trasformato in oro,

la povertà un ricordo lontano, il sogno

che si avvera a comando, il lavoro

è a buon punto per Re Mida e la sua corte.

Poi l’incontro col poeta errante, le carte

rimescolate nel mazzo e il capolavoro

dell’oro trasformato in metallo nel coro

di versi dismessi dal vocabolario. Lo sdegno

 

dei sudditi trasformato in ribellione,

la ricchezza va difesa con la spada

e la prigione. Re Mida è vulcano in eruzione,

i poeti vanno esiliati tutti, accada

quel che accada. “Maestà sia clemente,

è dell’amore sfortunato la colpa, il dente

da estirpare, non della poesia, in questa contrada”.

“E’ della tua fiamma il peccato? L’opzione

è la galera per entrambi, in forma cruda”

 

"Davvero mio sovrano volete imprigionare

la vostra consorte? Perché è giusto

che lo sappiate, è lei che amo da impazzire”

E il brusio che si levò dalla folla, al gusto

d’eccitazione, fu l’apice dell’affronto:

Re Mida volse lo sguardo alla moglie, il conto

delle lacrime sul volto fece il resto.

Che tutto debba andare in malora per un amore

molesto? Le ricchezze a rischio per un pretesto

del cuore? E il divorzio fu dichiarato a furore

 

di popolo. “Che siate felici e maledetti,

che sia la miseria il vostro orizzonte

sino alla morte” La regina dei banchetti

si sfilò la corona e consegnò il diamante

della collana. Gli occhi bassi e un sorriso

di liberazione, la folla lanciò riso

come al matrimonio e aspettò adorante

che ogni metallo tornasse oro. I confetti

dei nuovi sposi sparsi per l’Atlante

divennero madrigali, odi e sonetti.

 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: mybackpages  

Questo autore ha pubblicato 325 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Kate
# Kate 16-10-2019 09:47
Una rivisitazione attualizzata di mito e leggenda che, senza alterarne l’originaria essenza, ne amplia ed estende ulteriormente suggestioni e significanze. Pur, peraltro, affiorando inequivocabilme nte la “posizione” dell’autore, il testo riesce abilmente ad aggirare espedienti ed artifici retorici, per sostanziarsi in un’oggettiva e autentica constatazione della diversità e delle articolate sfaccettature dell’animo umano.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.