Com'è chiassoso il mare

ora che l’anima tace.

E il cielo tanto alto, freddo

freddo e straniero;

non accende le luci,

quelle calde della sera.

Da questo piccolo spazio

osservo e taccio.

Abusivi, i miei occhi

si saziano di mare,

di sabbia e di gabbiani,

ma nulla è per me

né io sono per il mondo.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ibla  

Questo autore ha pubblicato 138 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Simone
+1 # Simone 16-11-2019 05:36
Dopo un po' ti leggo ...la poesia arriva come il tuo pensiero distante e innocente semplice e attratto da qualche parte che sembra mancare...una mia impressione leggendo ... simbolica e sentita ...il mare a volte andrebbe ignorato e di per sé già un amico troppo complesso per starci a sentire ...molto bella e vagamente malinconica ..un saluto amichevole e complimenti
..non servono sermoni per arrivare.a chi legge ....
Carboluka
# Carboluka 16-11-2019 08:17
Mi piace molto Brava
Alessio
# Alessio 16-11-2019 12:07
Non è facile essere lontani dal proprio luogo di comfort, nonostante le molte bellezze nascoste che la nuova realtà avrebbe da offrire. Mi è piaciuta particolarmente la chiusa, oltre ovviamente al resto della poesia. A tratti sembra addirittura che l'abbia scritta io. Ciao Ibla
Tea
# Tea 16-11-2019 14:26
... molto piaciuta per il senso di malinconia che lascia... ciao
Kate
# Kate 17-11-2019 17:12
Sì, molto malinconica ma anche molto intensa e coinvolgente… Piaciuta.
miranda
# miranda 18-11-2019 00:12
Estraniata come emarginata, isolata, disinteressata. .. sinonimi che la dicono lunga sul tuo stato d'animo. :sad:
sasha
# sasha 18-11-2019 15:05
... è, il tuo, uno stato d'animo di sospensione... nel quale senti il vuoto sotto ai piedi, dentro, fuori...
e questo ti destabilizza; portandoti malinconoia, apatia, mal de vivre...
Hai espresso molto bene il tutto in un testo che quasi diventa piatto, pur acutizzando le sensazioni...
Molto braverrima!!! ;)
Ibla
# Ibla 22-11-2019 09:48
Un grazie e un saluto ai cari colleghi da Ibla.
marco cinque
# marco cinque 03-04-2020 11:40
è un sentimento comune quello di sentirsi estranei, dal mondo, da se stessi, dalla vita. Difficile è renderlo in versi come hai fatto, senza toni vittimistici o da pessimismo cosmico. Sì, molto apprezzata.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.