Rimane 
la mia ombra riflessa
lungo la salita pietrata
fantasma di stelle e di voci
sotto il brivido 
dell'ultimo Inverno.

Profuma il silenzio 
nelle porte chiuse assenti di luci,
poco più in la un rumore  
stringe il ricordo.

Mancano ...
 I giochi spensierati,
 i gessetti polverosi, 
gli aquiloni di carta,
i vichi  di urla e di risate.

Sui gradini di pietra
l' armonia antica
di giunco e vimini intrecciata
e affaccendati mani di pizzo, 
uncinetto e fantasia.

Restano... Muri smunti e  ragnatele
imperlinate  di rugiada,
parole  incastrate e sfuggite
senza eco.

Di pane, olio  e zucchero
l'ultima carezza. 



1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 809 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

RAFFAELLO CONCA*
+2 # RAFFAELLO CONCA* 24-03-2015 17:11
Molto bella una rivisitazione perfetta dei viali antichi e stretti del sud
Caterina Morabito*
+1 # Caterina Morabito* 24-03-2015 22:36
Particolarmente la via dove sono cresciuta, grazie Raffaello.
simone corrieri
+2 # simone corrieri 24-03-2015 21:53
Davvero descrittiva e dettagliata questa poesia , ovviamente sentita , lo si avverte fin dalle prime strofe .
Brava Caterina .
Caterina Morabito*
+1 # Caterina Morabito* 24-03-2015 22:38
Sei riuscito a cogliere il significato dei miei versi, grazie mille.
nabrunindu
+2 # nabrunindu 25-03-2015 12:38
eh si, anche io sono nato in una strada quasi come questa, in fondo alla periferia di un piccolissimo paesino della sardegna, ed ogni tanto ci passo per ricordarmi della mia spensierata fanciullezza. grazie caterina! :-)
Caterina Morabito*
+1 # Caterina Morabito* 26-03-2015 08:26
Anche a me capita di passare ogni tanto e quando capita.......ho un nodo alla gola! Grazie Nanni...
Giovanna Vecchio
+2 # Giovanna Vecchio 25-03-2015 15:46
Come si fa a dimenticare quando si vive intensamente tutto e si riesce ad avvertire anche il profumo "del silenzio nelle porte chiuse assenti di luci" e a cogliere "l'armonia antica di giunco e vimini intrecciata e affaccendati mani di pizzo, uncinetto e fantasia"! Come si fa? Caterina tu capisci, HO I BRIVIDI ... FANTASTICA - SUPERBA - STRUGGENTE DI MALINCONIA; troppa malinconia per le mie povere corde :-) Grazie e come sempre ECCELLENTE
Caterina Morabito*
+1 # Caterina Morabito* 26-03-2015 08:29
Grazie Giovanna solo chi ha la giusta sensibilità riesce a cogliere il significato di questa mia poesia, "Via Luigi Rossi" ha un pezzo del mio cuore....., la mia infanzia, la mia spensieratezza, i miei giochi da bambina, la mia mamma
Gino Ragusa Di Romano
+2 # Gino Ragusa Di Romano 26-03-2015 15:41
I ricordi tornano alla mente come una rosa in un deserto o una stella a mezzogiorno; a volte son miele, a volte son fiele. "Nessun maggior dolore che ricordarsi del tempo felice nella miseria".
Caterina Morabito*
+1 # Caterina Morabito* 26-03-2015 19:05
Direi i tempi genuini di una volta..... in profonda coerenza con il tuo e il mio pensiero...graz ie Gino.
Silvana Montarello*
+1 # Silvana Montarello* 30-03-2015 21:21
Sentita molto sentita, ricordi che non ci lasceranno mai, ad ogni passo che faremo saranno li con noi, l'infanzia che bella, complimenti come sempre Caterina.
Caterina Morabito*
# Caterina Morabito* 19-03-2016 18:00
:-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.