3a7d3131-6587-4a05-911f-da6370be1abc-original.jpeg
Pensiero che incornici i miei giorni indifesi

ed in memorie scorri a ritroso nel tempo
a comparare presente e passato
a rimestare in quelle sinfonie d’erbe
di mattini gentili quando il petto esultava
in quell’aria lieta di maggio
anche se scorrevano nuvole silenti
o sotto tigli che di fragranza l’aria inondavano
sotto lo zucchero dei raggi del sole.

Adesso confondi il mio cuore ed il mio io
nell’alternanza di serenità e timori.

Alti e bassi di pioggia e sereno
m’inviano a percorrere un vago cammino
lasciandomi sospesa ed indecisa
come foglia altalenante al ramo
aspettando timorosa il colpo di vento.

Non so se il cielo rifulgerà chiarore
alla mia porta
o sarà la tempesta a sbiadirne l’azzurro
che in luce aspra e scura
scrosciando pianto sui tenui virgulti
li porterà a marcire dentro la bocca del buio.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Grace D  

Questo autore ha pubblicato 227 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.