Io,

ammanettato ai ricordi amari,

a quei dolori che sprizzano dai pori

che subdola magia vorrebbe sublimare,

silenzio vero chiedo a questa notte.

Stelle!

Stelle nella volta imbambolate,

non mi guardate con perplessi occhi!

Smettetela col gioco estroso delle luci

e coi rumori dall’infinito vago.

Non lo capite?

Non è il mare, questa volta,

e neanche il bianco di un sorriso dolce,

il rosa altero di boccioli viziati

o la controfigura dei vent’anni.

Qui,

in questa stanza in cui non trovo sonno

v’è teoria di volti in processione.

Sì, adesso, proprio adesso,

nell’ora in cui domesticare il corpo

e sfarinar la mente sul cuscino...

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 383 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Adele Vincenti*
+1 # Adele Vincenti* 22-11-2020 15:04
Una poesia nella poesia,
un ripeter di parole estrose e confortevoli
un amore da tener stretto e non lasciarlo cadere..
Beata lei che è così amata!
Bravo Aurelio!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.