Ormai è tardi, lasseme stà
nun è cchiù tiempo che me circo a ffa.
Cammino io sulo contro a tutta sta città,
comma a 'na foglia 'o viento ca se fa traspurtà.

A sta vita 'na cosa sola aggio cercato
e so' stato felice sul quanno t'aggio truvato,
me so sentuto l'ommo cchiù furtunato
nzieme a te... dinto a sti braccia arravugliato.

Affruntavo o tiempo cu tutte 'e tempeste
ire l'aria fresca arapenn sti feneste
po' me ritt: scusa, l'ammore pe me nun è chest
e t'aggio perzo... senza forz e senza protest

Nun me ancora passato, ma scuordete 'o stesso e me
ca tengo o core chiuso ancora e mille piezz pe te
ormai vaco cammenanno dint a st'eternità
ricurdanneme l'uocchie tuoie comme simbolo 'e felicità

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 289 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Caterina Morabito*
# Caterina Morabito* 18-10-2020 18:38
Una poesia pungente , un sentimento che si offusca ma che mantiene vivo il ricordo e quegli occhi lasciano ancora sognare. Complimenti

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.