Sono anima intonata tra pareti deteriorate.
Sono alito sofferente soffocato da geli
di respiri mancati, di sguardi persi.
Una nota discordante, di un silenzio soddisfatto
della notte che ricopre le pecche della pelle.
Sono storia di me stessa che non va raccontata
della guerriera nascosta dietro a mura solitarie.
Storia scritta e poi gettata tra un soffio e una folata
per perdermi, col cuor mio, nel tacito oblio possente
di un emozione afferrata e dalla mente stracciata.
Sono io la pazzia del tempo che, scordando la via,
ricorda la malinconia costante e ormai decisa
a perseguirmi negli istanti costanti e interminabili.
Io.. che invecchio perennemente con rughe
e capelli bianchi come polvere argentea posata
su lenzuola sparse nelle sepolture di ogni tormento.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 292 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

poesie profonde*
# poesie profonde* 30-11-2020 13:15
Sofferto, questo testo molto intenso. Un caro saluto
Manuele*
# Manuele* 30-11-2020 14:53
E' bellissima.
Giò
# Giò 01-12-2020 17:34
Bellissima!
Sento questo testo forte e amaro, di sicuro di intenso impatto emotivo. Complimenti! Ciao...^.^
barbara tascone
# barbara tascone 02-12-2020 19:10
Testo molto forte ed espressivo!!Cia o

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.