Quando la vita sembra meschina a chi meschino è, non c'è da meravigliarsi se si cerca di sembrare ciò che non si è. Si diventa lavavetri, tentando di cancellare le proprie macchie e credendo che siano d'altri. Ad arrampicarsi in alto tra le insidie della vita, il vuoto appare così tenebroso che ci si sente attratti per precipitarvi dentro. Se si è codardi, si scagliano frecciate dalla punta spuntata che non colpiscono nel segno e ricadono indietro come terribili meteore di fuoco.
Al Genio della lampada chiederei come primo, secondo e terzo desiderio:- Taci per sempre...mai più parole, ma eterni mugolii di rabbia e di dolore. 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 132 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

poesie profonde*
# poesie profonde* 28-11-2020 14:15
Le parole tanto, non aiutano, alimentano soltanto il dolore e niente di più. Sentita molto
Enrico Barigazzi
# Enrico Barigazzi 28-11-2020 20:07
Bella poesia in stile di prosa, mi ricorda molto la canzone Enjoy the Silence dei Depeche Mode, soprattutto nell'ultime righe. Piaciuta molto.
Libero
# Libero 30-11-2020 15:52
Molto grato dei vostri commenti. :lol:

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.