Grembo fecondo sei materna terra,
sei sangue e carne e fremito di vita,
eppure tremi per questi figli folli,
madre ferita, mille e mille volte .
Lo sguardo attonito il cuore in mille pezzi.
Eppure ci perdoni
e scorrono ai nostri piedi
i tuoi meravigliosi doni.
Pianto di lacrime amare,
pianto di sangue e fiele,
siamo per te tortura,
un lento morire privo di lamento.
Non c’e sgomento
nessun rimpianto,
non c’e nessuno ormai
e muto si è fatto l’antico tuo canto.
Annichilito è l’uomo, morto è ogni sentimento.
Soffia per sempre il vento in un gelido tormento,
finito è il tempo e morto il giglio
Gea, dea primordiale,
unica grande madre, sicario di se stesso è ormai tuo figlio
brucia in un fuoco eterno, senza ritorno.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Marina Lolli  

Questo autore ha pubblicato 116 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Vera Lezzi
+1 # Vera Lezzi 26-04-2017 10:26
Le stiamo davvero producendo continui, tragici lutti alla nostra MADRE TERRA...E perciò, forse, ci sono così tanti, devastanti terremoti...Chi ssà COS'ALTRO ancora occorre alle nostre conversioni!!
Sempre MOLTO COIVOLGENTE sei!
Marina Lolli
+1 # Marina Lolli 26-04-2017 15:19
Vera ,so che sei molto sensibile e che indaghi ed estrapoli dai tanti versi che commenti i piu profondi significati , ti ringrazio per aver commentato questi versi perchè questo tema mi è molto caro e mi addolora ogni volta che leggo o vedo in tv quanto siamo distruttivi e quanto poco abbiamo capito e imparato.Il periodo storico che stiamo vivendo è terribile e temo davvero per il futuro dell'uomo ...
Ma la speranza è l'ultima a morire .
Grazie ancora e buona poesia,
Marina.
Rita Stanzione*
+1 # Rita Stanzione* 26-04-2017 11:37
L'uomo che maltratta la madre Terra. Testo vero e sensibile. Un saluto.
Marina Lolli
+1 # Marina Lolli 26-04-2017 15:10
Buon pomeriggio Rita, come dici tu l'uomo maltratta la terra ,ma come ho scritto nella poesia l'uomo sta diventando il cecchino di se stesso.
Stiamo distruggendo tutto e non vogliamo fermarci a guardare ,la terra è stata fin troppo buona e noi pensiamo di governarla e di comandare sugli eventi naturali ,ma non è cosi...e non vogliamo capirlo.
Ti ringrazio per avervoluto leggere la poesia e per il commento :-)
Grace D
+1 # Grace D 26-04-2017 16:32
Quello che l'uomo non capisce è che continuando questi scempi verso madre terra,
distruggerà se stesso e tutte le specie che in essa vivono. Penso che ciò sia lampante, ma
si continua a distruggere e devastare. Un saluto, Grace
Marina Lolli
+1 # Marina Lolli 26-04-2017 22:06
Un caro saluto anche a te e grazie per il commento che logicamente condivido e che mi conforta perche sento che se siamo in molti ad alzare la voce forse non tutto è perduto
Hera
+1 # Hera 26-04-2017 19:07
una tematica molto seria e urgente, in versi magnifici...... ..............B ravissima e un caro saluto..HERA
Marina Lolli
+1 # Marina Lolli 26-04-2017 22:09
Una tematica che deve portarci ad agire ..
Ti ringrazio per aver letto questi versi che devo dire ho scritto con molta rabbia dentro ..
Un abbraccio grande cara Hera
Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 27-04-2017 21:20
Credo che tutti si accorgano della distruzione del pianeta, per alcuni la questione non è importante, per altri non è compito loro, altri ancora hanno altro da fare che occuparsi del nostro pianeta, che dire...quando arriverà la distruzione forse ci accorgeremo...f orse...complime nti molto brava ciao.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.