(ciao nonna)

Ascoltavi dietro la porta chiusa
per indovinare la forma dei respiri
vedevi volti comporsi e scomporsi
nelle venature legnose dell'armadio
e credevi che le ombre sopra i muri
fossero presenze di persone vere.

“Attilio mio, ‘ndov’è che sei annato?”
tu gli parlavi quando si faceva sera
accarezzando la cornice della foto
con gli occhi velati di magone
poi sedevi sola, al tavolo in cucina
continuando ad apparecchiar per due.

“Attilio, ma 'ndo te stai a nasconne?
Stai sempre a batte co' 'sto martelletto
Tac! Tac! Tac!
è tutta 'a notte che aggiusti 'ste scarpacce!”
lo rimproveravi come ossessionata
da un rumore che però non esisteva.

Le tendine alle finestre sono le stesse
di quando te ne sei andata, lasciando
la tua impronta in ogni angolo di casa:
le mollette storte, tutte smangiucchiate
stanno appese ai fili vuoti del balcone
e il vecchio cesto che calavi per la spesa
penzola ancora aggrappato alla ringhiera.

Tac! Tac! Tac! 
Attilio continua ad aggiustare scarpe
e forse finalmente t’ha incontrata
lassù, nel luogo dove ormai le stelle 
non danzano più scalze.

L'immagine può contenere: 1 persona, primo piano

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: marco cinque  

Questo autore ha pubblicato 11 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Era una passione lenta a morire
soddisfaceva l'orgoglio ferito
mutava la rabbia in inutile odio.

Se soffocava il marciume in gola
non si accorgeva del rapido rantolo
ostinata incapacità di ravvedersi.

Soddisfatta lieta e consapevole 
armeggiava col taglio delle parole
ferita sorda all'insurrezione violenta.

D'aver vinto credeva la mala partita
stolta nel rifiuto di sapere della sorte
l'avrebbe colata di nero fluido manto. 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 80 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Mi perdo e mi ritrovo, soffro e poi risalgo...
sul "le onde" mai stonate, di una musica

che sento dentro e che mai mi lascerà.

È il momento in cui chiudo gli occhi,

e "fuori dal mondo" mi lascio sorprendere

da "nuvole bianche", "oltremare" e

da un amore puro "sotto falso nome"...

che mi tortura il cuore e non mi frena le dita,

sui tasti violenti e delicati di un pianoforte.

Ascolto, in ginocchio, sento e chino il capo,

dinanzi a un "divenire" essenza, la melodia scritta,

con maestria e poi risuonata "ai margini dell'aria"

di un respiro trattenuto di "una mattina" di

un passato e un presente che va "a fuoco",

ad un ritmo che... corre e va veloce nella mente,

fin dove vuole "andare" e in "giorni dispari"...

"ritornare" "in un altra vita".
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 225 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Ho sempre trovato

C’era una volta stantio

come l’occhio del faro

sul mare increspato.

E quello che non c’è mai stato

nei vicoli di ubriachi, portieri

d’albergo e puttane quando la notte

si sveste di un qualche cielo stellato.

Nei flutti talvolta ostili di un passato

e negli sguardi insonni di quei vicoli

finchè non finiscono, c’era una volta

un uomo di cui non vi ho parlato.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 469 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Percorsi accidentati dove spesso

il piede piega e il dolore monta,

andrebbero nettati degli intoppi

per ritrovare il regolare passo.

A volte accade di chiamare spasmo

quel che ci accade forse per disegno

o solamente per attrarci addosso

oscuri segni d’abbandon protratto.

Come al tramonto sempre segue l’alba

e l’alba lascia il suo posto al giorno

e poi la luce fodera il meriggio

fino al predare delle stelle i lampi,

così vorremmo - anzi dovremmo -

rismerigliare della vita il nastro

riassegnando il ruolo esatto esatto

a quel respiro che se pur ci illude

almeno ci consente d’esplorare

percorsi nuovi dove sgambettare,

giardini arsi da ripristinare

con vanga e linfa che procureremo

in quelle ore, quand'anche per errore

si riesce - sì - ad esser giocolieri,

maghi speciali in vena di pazzie

o umili artigian d’un salva vita.

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 251 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Tornerai 

a brillare di sole 

tornerai  a far luce 

nel cuore

due parole al cielo lassù’

Italia mia 

sola sei tu .


Vuota di parole

vuota di magia

vuota di profumi nella via

vuota  nelle piazze

vuota nei musei

vuota nei pensieri miei.

Troppe lacrime 

oggi germogliano 

un sussurro di baci 

arcobaleni appesi al sole 

aquiloni forse 

solo illusioni .

Ti ascolto e mi culla la  musica 

mentre il vento 

sposta lo sguardo 

ed ora abito
dove tu abiti 

malinconia . 

Torneranno le stagioni 

torneranno gli amori 

tornerà la frenesia 

tornerai a vivere 

Italia mia. 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 769 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Il poeta stringe i ricordi

ai silenzi del suo mare,

naufraga sulle scrivanie del petto

come un raggio di luna,

rimedia pinacoteche d’anima

ad accender le rime dei tramonti,

ama spiccioli d’infinito riflesso

sulle guance dei papaveri.

Il poeta disegna

il violino delle sue notti

frazionato in rugiada di cielo,

l’inverno dei suoi folli baci,

il tempo dei suoi vecchi sguardi,

il teatro dei suoi perduti battiti.

Il poeta lacrima di solitudine,

apostrofa la poesia del suo io,

è un eclissi di parole

crocifissa alle sue pagine,

poesia,

ara ancora il suo grembo,

come un ritornello di farfalle

accoccolato nell’immenso.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: rosa dei venti  

Questo autore ha pubblicato 668 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
     Non più folla, 
     balli, canti per
     strada, il mondo
     in ginocchio
     aspetta fra quattro
     mura, un futuro 
     nebuloso. 

     Ma la speranza
     va oltre il dolore, 
     la morte, cerca
     rifugi nuovi, 
     sorrisi tra lacrime.  
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Morgana  

Questo autore ha pubblicato 107 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

I tuoi occhi

son matite accese del mio avvenire,

i tuoi abbracci

lettere di mille parole

perdute in un campo di girasoli,

il battito del nostro vivere

luce dello stesso mare

ad ogni compleanno d’universo.

Caro papà

siam plettro della stessa anima,

nuvole dello stesso cielo,

una canzone d’inverno

ad incidere il ricordo

del nostro bellissimo tempo.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: rosa dei venti  

Questo autore ha pubblicato 668 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Mamma mi manchi,
ora più che mai.
Sei li
a danzare con gli angeli.
Mamma
tu che mi hai
cresciuto con amore.
Ora sei e
rimarrai nel cuore.
Mamma
tu sei nell'anima,
ti voglio bene.


Il desiderio
di riguardati negli occhi...
sperando di poter leggere qualcosa
varcando i limiti forti, profondi,
Ma devo accettare
che tu non ci sei più
che non posso più guardare i tuoi occhi
non posso più leggere niente
non posso vederti sorridere
non posso sentire la tua voce.


Posso solo tenerti nel cuore
cercare di superare il dolore
mamma ora sei in cielo.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Silvana Montarello*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2013

Questo autore ha pubblicato 755 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questa è la prima notte 
senza te, con i tuoi
occhioni blu e
le zampotte tese 
ad accarezzarmi.

La notte che parla 
della tua assenza, 
ma dentro al cuore 
sei viva, sinuosa, 
mia dolce, vispa 
GINNI.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Morgana  

Questo autore ha pubblicato 107 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Lei
si sistema il foulard 
e colora di tinte pastello lo specchio 
ammicca un sorriso 
annuisce,
un ultimo ritocco e 
s'accende di passi
tra i fiori . 








 Buon Compleanno
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 769 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Sai di terra e mare, 
fai sorridere ogni donna, 
dal deserto agli artici. 

Il tuo profumo  ed il colore
regalano amenità, 
cancellano cupi pensieri...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Morgana  

Questo autore ha pubblicato 107 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Le stelle che ricordo più splendenti,
le stesse stelle ammirate fino all'alba,
si son del tutto perse, ormai ingoiate
da un cielo vorace che non amo.

Mondate d’ogni grumo degli affanni,
nella notte del più intimo riscatto
torneranno per spezzare quest’attesa
così che possa finalmente rivederle:

dal mare mio per sigillarne i riflessi
o anche da questa finestra perché io goda
del viraggio dei colori dal nero alla luce
ed incidere i sogni sul cobalto.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 251 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Amicizia vera
senza finzioni
amicizia d'anima
quella che se cadi
ti aiuta a rialzati,
vicini nelle avversità
dandoti il coraggio di proseguire
un'oasi di luce
uno stato interiore di armonia.
Il piacere di condividere.
Amicizia che lega
profondamente
comprendersi
e accettarsi spontaneamente.
Quel fiume di amicizia
che affidi parte di te
in questa vita.
Voglio che tu sappia
che fai parte
della mia vita
e che nulla
potrà separarci
da una tale meraviglia.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Silvana Montarello*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2013

Questo autore ha pubblicato 755 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.