Ora, Viola, sol per ora
Ascoltiamoci
Vìola questo velo solitario che ci rende taciturni 
E ci divora 
Torniamo a farci molli tra le ore
Perdendoci a parlare assieme 
E pensare assiduamente
Finché il sonno ci è pesante sulla mente

Scorgo tanta bellezza nello stare con te
Quando strisci adagio tra i ricordi di scivoli e racconti raccolti in forme d'arte per bambini
E mi capisci quando canto dei miei lenti tempi andati
Tu con le tue lenti sugli occhi e i capelli fiammeggianti colti in ricci ricchi d'intersezioni
Stesa come un gatto stanco ad ascoltare tutte le mie emozioni
Con risate che ti fuggono dai denti
Che cosa ci ha fermato fino a adesso dal parlarci e perderci questi firmamenti di parole?
Che cosa nel silenzio che ti avvolge quando vivi?

Non mi spegnere quegli occhi, Viola
Non tacciamo i nostri spiriti
Continuiamo a disegnarci a vicenda queste forme nella mente
Prima di scordarle come corde vecchie
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ealain  

Questo autore ha pubblicato 70 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.