Estate di mare e di sole…
 
il cuore felice: lontana è la guerra 
e io immerso in zucchero e miele
e pane spalmato coi mille sapori
della mia bellissima terra…
 
e una madre che scavalca i confini
di ogni riposo,
piccole mani
a disegnar  fiorellini
per i miei vestitini:
tessuto di stoffa d’Amore
sognata dagli occhi,
e cucita,
col filo di seta del cuore…
 
E poi, un padre che scavalcava gli stenti
ed io, sul piede suo a cavalcare
e tra le sue braccia potenti
a sentir d’inverno il calore
che fa smetter di battere i denti…
 
Eravamo felici e la vita sincera
e l’amore, era tutto quello che c’era.

 
La vita, la vita
si viveva con gli occhi,
tutto il giorno in cortile
e la sera,
poi ritornar su
 col sangue sui ginocchi
e  nel cuore, il profumo d’aprile.
 

 Ora è tutta un’altra cosa
mio padre ha da Dio la sua casa
e mia madre vede a stento le sue mani
Lei,
ha lasciato gli aghi e il filo
tra  ricordi  lontani.
 
Ma io sono rimasto là
là dove lei  ritagliava
per il vestito d' Amore
i suoi semplici fiori disegnati con gli occhi 
e cuciti poi…
con il filo di seta del cuore.


A mio padre e mia madre

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: bruno leopardi  

Questo autore ha pubblicato 72 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Antonia Vono
# Antonia Vono 08-10-2013 21:04
MERAVIGLIOSA.........
ho "visto" le mani preziose intente a cucire e il filo d'amore che vi ha uniti ,ho "sentito " il calore..
un quadro meraviglioso dipinto con l'unica cosa bella che al mondo si possa sentire e vivere:l'amore..

GRAZIE per questo scritto di vita..
a presto in poesia..
Falug
# Falug 09-10-2013 15:57
Un grande dono, aver avuto una infanzia felice da ricordare, insieme a che te l'ha donata. Bella
nabrunindu
# nabrunindu 09-10-2013 16:51
è veramente bella! col rituffarsi nella fanciullezza fra i momenti belli con le persone amate. bravissimo!
Brigida Liparoti
# Brigida Liparoti 10-10-2013 19:17
Un grande grazie anche da parte mia, che leggo solo ora questa tua... mi hai fatto tornare indietro ad un calore impresso dentro e per me, ora, tre baci lanciati al cielo dai miei genitori e... vabé, andiamo avanti!
Grazie per la bellissima poesia. Personalmente non avrei ripetuto l'ultimo verso ma se tu l'hai fatto, allora vuol dire che doveva starci!
A presto

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.