Lascia che entri 

che si cali in quel pozzo 

una luce, almeno, al centro della stanza,

un debole filo di sole
in questo cielo carta da zucchero.

Lascia che faccia solco sul legno chiaro,

che lentamente una scia più scura 
tinga il soffitto, 
lacrime di statue di gesso
han lasciato traccia e vacillano adesso
sul bordo, come sul mento.

Lascia che entri

che al tuo letto si abbandoni lasciando il segno.
Lascia che entri la pioggia.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Lehel  

Questo autore ha pubblicato 21 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Kate
+1 # Kate 24-03-2020 12:37
Molto intensa e coinvolgente. Composizione apprezzata.
Simone
+1 # Simone 24-03-2020 15:04
bella scorrevole e non c'è una parola di più del necessario...
Tra le più belle e apprezzate di questo momento .. complimenti
Lehel
# Lehel 24-03-2020 15:07
Grazie ????
Morgana
+1 # Morgana 27-03-2020 07:29
Bella e particolare complimenti
marco cinque
+1 # marco cinque 30-03-2020 20:30
Un raggio di luce in un lucernario basta per evocare disegni di versi, grazie a chi ha occhi che sanno vedere. Piaciuta

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.