Sembra
che il cielo
raccolga le nuvole
intorno,

si circondi
di sussulti
laboriosi,
un dolore spaurito
di raggi in fuga
per il mondo,

si sollevi
a cercare il dono
dei sogni
perché sia
un desiderio raro
sulle palpebre
che amo,

io adulatore
di bianche mani,
di occhi
sulle case di paese
di falso effetto,
un miscuglio
dei miei baci
che arrossano
la tua pelle,

sembra
che il lato buio
della stanza
nasconda le risate
d’infanzia,

c’è un trastullo
di voci di donne
ridenti
prima che gli occhi
si aprano.


1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 132 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.