Momento di crisi, 
moderna Eva,
ho porto la mela. 

Peccato che ha 
sconvolto la mente 
ed il corpo. 

Voler affogare:
forse un angelo 
mi salverà, 
intanto nei tormenti
V i v o...
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Morgana  

Questo autore ha pubblicato 144 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Mi ricordo avevo dieci anni 
E tu già venti ed eri di tutti
Facevi l'amore al chiaro di luna
O mentre pioveva
Mi ricordo avevo dieci anni 
E tu già venti  e sorridevi  di più 
Ora io ho dieci anni di più 
E tu mi guardi dal tuo balcone 
Vieni- coraggio- vieni su
Così dicesti quel giovedi  
Otto rampe di scale ed eccomi qui
Tu già nuda davanti a me
Mi  porgi  la mela e  mi offri il caffè 
Ora tu  hai già dieci anni più di me 
Raccogli i gerani  ne fai Buquet 
Baciami dai, dicevi baciami qui
Ho tempo- fai con calma...
E il tempo passava e le tue labbra sudavano
E niente di più...
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fausto Longo  

Questo autore ha pubblicato 13 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Sono lampi 
Improvvisi 
Che mi rasserenano 
Di vecchi temporali che ho amato
Il più originale 
Sono stato me stesso
Tranquillamente irrequieto
Ho cullato le nuvole nuove
Nostra Signora dei Turchi 
Col sorriso
Beffardo si è  invaghito di me
Ed io
Ho soltanto stretto tra le braccia 
Capelli d'oro 

Resta il ricordo 
Di domani
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fausto Longo  

Questo autore ha pubblicato 13 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Frecce scagliate da un arco
impazzito aprono ferite
che sanguinano.
La piccola guerriera
combatte in un mondo chiuso.
Cambiando se stessa al
volere di altri.
Si trasforma come il vento
impazzito in una giornata
di sole splendente.
Scuote la foresta
spaventa la vita
che vuol cambiare luce.
Un sorriso
inizia a vincere
la battaglia.
La ferita dell'arco
non sanguina più
la piccola guerriera
sorride di nuovo.
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Silvana Montarello*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 30-04-2013

Questo autore ha pubblicato 781 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Le parole scorrono
nel fiume in piena
con l’anima ammutolita
e frastornata
incapace di esprimere.

Scorrono libere tra cieli
colorati dall’azzurro
dei tuoi occhi…
o cieli dipinti
di quel grigio cupo
quasi a nasconderti.

In qualunque modo
esse avanzano
avvolte dal tuo calore,
a volte anche sterili,
agli occhi della mente
ma non agli occhi dell’anima.

La rugiada invade occhi.
Vallate gelide, la mente.
lava di rabbia scivolano lente
tra le vene sempre più stanche.
Passi sempre più deboli.
Ma quel sole dentro di te
non tarda a risorgere…



1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Leonardo Ancona*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 01-06-2020

Questo autore ha pubblicato 36 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ho percorso viali lividi.
Ho annullato me stessa.
Ho curato le ferite mie
buttandoci sù il sale che mi desti tu.

La fragilità è arrivata.
E volevi toccarla con mano.

Immobile in quella grande stanza invernale
dove intorno a me c'era il male.

Il male che non potevo sconfiggere,
avevo unicamente le forze di una ingenua colomba.

Fui ingannata.....

Giustizia non ebbi mai,
accuse false,
derisioni,
promesse mai adempiute
e futuro totalmente disintegrato.

Una grande quercia
come unico amico.
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Maddalena Clori  

Questo autore ha pubblicato 78 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Bandito
di sogni inarrivabili
mi rivesto di vita
tra battiti scalpitanti
in un petto
che brucia,
spolverando cassetti
per troppo tempo chiusi.

I miei occhi
fissi nei tuoi
ascoltano
lo sguardo tuo muto.

Come spregiudicato,
condannato,
col volto teso all'orizzonte…
mi tuffo nell'oceano
di brividi inauditi.

Nell'incerto esistere,
non dimentico…
albergo nel caos,
nell'ascolto
di parole silenti
trascrivendo
mete inarrivabili.

L'immagine può contenere: una o più persone e primo piano
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Leonardo Ancona*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 01-06-2020

Questo autore ha pubblicato 36 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Eterna la mia pace 
Qui tra questa guerra 
Eterno il mio vagare 
Qui tra queste mura
Così parlavo davanti a me stesso 
Quando scesi giù
Tra i bassifondi dell'anima a chiedermi scusa 
Eterna la mia lancia trafigge il tempo
Qui tra pugnali affilati 
Tra rose sfiorate
Tra inutili parole
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fausto Longo  

Questo autore ha pubblicato 13 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tra passione e fantasia
il tempo scatena reazioni
ed emozioni.
Pezzi di vita
ricordi...
La realtà che vincola
cassetti semi aperti
percorrono ricordi
senza regole
senza limiti
senza confini.
Ombre danzano
nell'inverno ormai inoltrato.
L'ultimo sguardo
verso il sorgere
di una nuova alba
un'altro pezzo di vita.
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Silvana Montarello*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 30-04-2013

Questo autore ha pubblicato 781 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ho l'anima stinta
come una bianca falesia
riflesso sfuocato
d'inutili giorni
passati a cercare
orme perdute
sopra passi coperti
da terre riarse

Non ha sonno la vita
sotto l'obliqua luce
di un tramonto infuocato

non ha sogni la mente
in questo vuoto irreale
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ferruccio Frontini  

Questo autore ha pubblicato 135 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Non c'è vezzo nei tuoi gesti,
una semplicità d'odor antico
nella frescura delle mani,
un amore mai dismesso
nell'abito che evoca la festa,
una cornice dei sorrisi
che aleggiano sornioni.
E'' una storia nata per caso,
sul davanzale che ruba alla via
il richiamo delle voci passeggere
e mai dimentiche del mio amore.
Passi ripetuti e mai stanchi
a solcare il silenzio prolungato,
era una storia senza fretta
che stondava le asperità
dei sassi aguzzi dei pensieri,
semmai avessi rivolto al cielo
parole che volassero alte
per legarsi ai miei desideri.
E'' una storia nella storia
degli incontri irrealizzati,
nella costanza della memoria.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 106 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Notti insonne, notti in bianco, notti maledette,

insonnia che si prolunga senza mai una tregua,

debito di sonno pericoloso che si accumula,

ma perché? Per cosa? Cos’è che mi tormenta?

 
Non siamo in medioevo, non sono un cavaliere,

non devo attendere in bianco la mia investitura,

la mia coscienza è già pura, senza macchie,

non serbo mai rancore e odio all’altrui genti.


Non mi manca niente eppure non dormo,

neanche quando la stanchezza mi vince,

mi giro e mi rigiro, stanco dentro al letto,

mi agito e mi scopro anche se fa freddo.


E meno male che ho smesso di fumare,

chissà quante sigarette avrei consumate,

ora ne va di mezzo il frigo, fame nervosa,

mi alzo, cerco e mangio tutto quel che trovo.


Ad occhi socchiusi ma, mai addormentati,

rimugino pensieri di ogni origine e tempo,

pensieri importanti ed anche insignificanti,

pensieri che la mia mente mai dimentica.


Pensieri belli, gioiosi e brutti del passato,

dove il soggetto è sempre il divino amore,

amore familiare, di amicizia e materiale,

ma lei già dorme, non la posso disturbare.


Certo mi farebbe bene, quando ho bisogno,

con una carezza, un bacio esser confortato,

scaricherei la rabbia di questa disavventura

ma lei non è, il secchio della mia spazzatura.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giò For  

Questo autore ha pubblicato 82 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Sento quel gusto,
della vita,
che scorre lieve,
lacrime,
fra le dita,
rimorso,
nella mente,
colma,
senza tempo,
d'Amor che non c'è più

Si muove,
il Senso
dove l'ho trovato,
in me,
da una nostalgia
e giace nascosto
riposa,
avvolto,
nelle parole
fra incubi o sogni
indesiderati
e scompare quell'amore
col ricordo
d'uno sguardo
che poi mi giudicò
così per nulla

Sento quel gusto,
della vita,
che scorre lieve,
lacrime,
fra le dita,
rimorso,
nella mente,
colma,
senza tempo,
d'Amor che non c'è più

Sento, il Senso,
che docile,
muove il passo
d'un sentimento
che evapora
ai primi istanti
della sera
e tramonta
al sorgere del Sole

Sento quel gusto,
della vita,
che scorre lieve,
lacrime,
fra le dita,
rimorso,
nella mente,
colma,
senza tempo,
d'Amor che non c'è più

e l'anima
a piè leggero,
va oltre il limite,
preordinato,
dove finisce l'amore
mai amato,
che il destino,
trascina con sé
quando la strada,
è dura assai

Sento, l'essenza
di ciò che il senso
porta nei sogni,
un silenzio vivo,
ma privo,
del tempo che muore,
d'immenso.
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fènix Félix  

Questo autore ha pubblicato 10 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Notte che non vuol morire
appigli di sogni svaniscono,
notte tra le stelle
cavalcano orizzonti
in cerca di meteore e pianeti,
afflitti da solitudini elemosinate,
da corridoi asettiche,
da bicchieri di cristallo
frantumati da una vibrazione,
incollati i pezzi al posto dell'amore.
Scorre a fiumi il sangue.
Fragile debole anima
senza coraggio
cadi leggera
in mille pezzi
uno scossone.
Fragile e delicata
esplodi in tanti
piccolissimi pezzettini
impossibile rimetterli insieme
e mi ritrovo a raccogliere
inutili mucchi di fragilissimi
pezzi di anima.
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Silvana Montarello*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 30-04-2013

Questo autore ha pubblicato 781 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Corre.
La buona idea
di chi libera il giardino
dalle foglie morte,
corre.

Vola.
Il buon seme
che tra i superstiti
ho raccolto chino,
vola.

Cantano.
Le mie ragioni
dentro un cielo
che nessuno guarda,
cantano.

Rimbalza.
Tutto nell'indifferenza
rimbalza e torna a me,
pietrificato.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 288 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.