Notte infinita di pioggia
Ingorgo della mente
Mi rigiro tra dune di lenzuola
Scaccio pensieri
neri come corvi
Rovisto nei cassetti dei ricordi buoni
ma spiritelli dispettosi rimbalzano
dentro i miei occhi chiusi
Scompigliano equilibri
spianano illusioni
Molecole impazzite
che scendono come
grani di sabbia a
sedimentare l'anima
E alla fine in questa
notte di battaglia
si fa largo il giorno...
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ferruccio Frontini  

Questo autore ha pubblicato 135 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Moderni suoni lambivano i tavoli quadrati di quel bar,
ostello del pensiero,
rifugio dell'eternità.

Erano momenti nuovi che mi atterrivano 
che mi rendevano estraneo 
in quel loculo morente della vita.

Non sapevo districarmi da quel labirinto 
di tavoli e sedie 
di persone troppo comuni,

lascivi esseri dal senno scomposto in troppi frammenti 
perché io possa comprenderli,
nella logica esilarante 
che mi sono costruito su di colui che vive.

La morigeratezza che avevo perseguito 
era per me sinonimo di una forma essenziale,
inscindibile dal sublime 

unica via attraverso cui si può fuggire 
dell'ipocrisia del vivere,
triste suicidio del non lasciarsi morire.
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giuseppe Trucchia  

Questo autore ha pubblicato 20 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Ritorno spesso

con la memoria al passato.

Un viaggio a ritroso

della mia mente

per capire chi ero

e chi sono adesso.

Reminiscenze

difficili da mettere a fuoco

velate

dalla patina del tempo

trascorso

rivendicando al giorno

quello che la notte

non mi ha mai negato.

Bruciavo la mia vita

all’addiaccio dei sentimenti

e amavo delle rose

solo le spine

che diventavano corone

sulla testa di re profani.

Ritorno spesso

con la memoria al passato.

Un viaggio a ritroso

della mia mente

per capire chi ero

e chi sono adesso.

Solo reminiscenze

nel baratro dell’oblio.

Sparsi frammenti

che non voglio più ricomporre

ed il figlio che ero

madre mia

non lo sono più…

adesso.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Antonio Girardi  

Questo autore ha pubblicato 15 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.



Non avrei mai voluto

essere un poeta

per non scrivere

con quella frenesia

di raccontare

l’anima a brandelli

cercando poi di ricomporli

per non offendere quel cuore

che d’improvviso può tacere.

Non avrei mai voluto

essere un poeta

per non forgiare le parole

sopra un incudine di fogli

e non fare morire quella fiamma

che arde sotto ad un’emozione.

Non avrei mai voluto

essere un poeta

per non mentire ai miei pensieri

solo per quella forza che hanno

di graffiare anche la pietra.

Per tutto questo

e per molto altro ancora

non avrei mai voluto esserlo.

Avrei magari voluto

essere un menestrello

e cantare

alla polvere dei cortili

e come lei dissolvermi

per non provare quella vergogna

nel denudare i sentimenti.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Antonio Girardi  

Questo autore ha pubblicato 15 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Leggo nel temporale

l’illusione

d’ali, come d’angeli, di gabbiani

nella musica rotta di spume d’onde.

Nuvole come tasti.

Pianisti sul mare planano sul segno

della croce, e questi due pani.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 503 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Era di un azzurro vivo

lo guardavo dalla terrazza grigia

del condominio

rondini, tortore e gabbiani

erano gli ospiti che banchettavano

all’allegro simposio della libertà

guardavo questo tutto ed in esso

volevo perdermi volando anch’io

tra i tetti e tegole lasciando che la terra

marcisse nelle sue costrizioni

occhi chiusi mi tenevano appeso

a quel volo libero

era solo l’immaginazione di un momento

dispersa dall’istantanea della realtà.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Enrico Barigazzi  

Questo autore ha pubblicato 97 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Bramano tregua e respiro
queste labbra viziate dall'ardore.
L'anima si lascia corrompere,
arresa... di fronte a questi corpi
avidi di veleno e lussuria.

Sospesi nella penombra della libidine
il cuore non si oppone a questa
impulsiva e ossessionata depravazione,
di un pensiero malsano e contorto...
di un'audace trasfusione di sesso.

Momenti, di un carnale scambio di brividi,
tra stille di sudore, sospiri temerari
e gemiti profondi di beatitudine...
rimangono scolpiti tra le lenzuola che
hanno ancora il marchio indelebile,
della furia di una notte di passione.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 277 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Immote stelle, 
da confini sconosciuti
scrutano la nostra vita. 

Non ci rendiamo 
conto della nostra 
precarietà, 
se non alla fine. 

Stelle che scrutano 
cuori, spesso
troppo presi 
di sé... 

Ogni tanto cadono, 
per darci illusioni 
d'infinito...
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Morgana  

Questo autore ha pubblicato 144 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Come un'aquila reale difenderò
il mio nido, allontanandolo dal male.
Come un gabbiano planerò per ore
sfidando le onde più alte del mare.
Come un falco sarò agile e veloce
nel combattere ogni mia battaglia.
Come un avvoltoio aguzzerò la vista
e dall'alto vedrò oscillare le foglie
e l'erba che per il vento s'agitano.
Come un gufo veglierò di notte
dalla luna alla terra e tra i fitti rami.
Come una fenice riprenderò vita
dalla mia polvere e aprirò le ali.
Come un usignolo intonerò le note
per inneggiare ogni mia vittoria
e sarà un canto di un'ugola libera.
Come una colomba vivrò di passione
saziandomi di baci e pace per l'eternità.
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 277 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Dissuaderò la notte

che non sa di che dormire

dall’appoggiarti il caldo

dall’inconsueto puzzo

di petrolio misto a farina

col suo respiro corto sul petto

in un greve torpore.

Dal profilo falcato

del quarto di luna

soffia cacao e paraffina

il mangiafuoco, dorme il circo.

Non sono di questa notte

di caldo afoso,

sto qui su un fiato in equilibrio

nei tuoi sogni per aiutarti

a giungere in un poco di riposo.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 503 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Fili complicati eppure invisibili
sembrano fragili eppur tenaci
si dipartono dall'origine della vita
un gomitolo di corde mai sazie
vetuste nelle cavità nebbiose.
A curar i tarli del legno si fa 
prima che una visita al buio
piegati gli arti su ferri freddi.
Un ricambio d'aria gioverebbe
come ammissione di sazietà.
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 106 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Al sole la nebbia s'adagia

sul verde brillante della valle

così il mio corpo adagiato su di te

si risveglia al tuo amore.

Oltre la soglia cinguettii festosi

vanno e vengono intonando

melodiose tonalità

salutando il nuovo giorno.

Ma io resto con te

perdendomi nelle tue braccia

come nuvoletta rosa

persa nel suo azzurro.

E le tue mani leggere

sui miei riccioli ribelli

arrotolati sulle dita

come fili di seta.

E di seta son le coltri

testimoni di sogni e fantasie

nelle notti senza luna e senza stelle

scintillanti di perenne passione.

Ora attendo il tuo risveglio

tra le rose del giardino

faranno da cornice

alle attese del mio sguardo.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: genoveffa frau  

Questo autore ha pubblicato 111 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Il Cassetto dei Sogni: Camelia bianca...

Petali di bianco candor e gocce di pioggia a
sospirar su foglie verdi.
Ricordi a sbocciar 
nel cuore e tante goccioline a
scoppietar di pianto ed evaporar nel mondo.

Ricordi fra prati valli e boschi a
scivolar su nubi stanche
fin sfiorar il sole, 
ed ivi riposar nell'eco
di un dolce canto!



1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Adele Vincenti  

Questo autore ha pubblicato 68 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Deve piovere prima o poi...
per non discernere le lacrime
ed evitare la furia degli ingordi.
Nell'apatia si ferma il pianto
e nella gola trova dimora.
Mi rivesto d'arroganza
trascinando il dolore
in un baratro senza fine.
Sarà tempesta prima o poi...
per occultare le grida del cuore
ed uccidere l'enfasi della rabbia.
Nel silenzio soffoco le parole
che nella testa sono in attesa.
E di maschera mi ricopro ancora
di un finto ed odioso sorriso.
Tutto diverrà inferno nell'inverno.
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 277 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Casette allineate,
siepi ben tagliate, 
sembra tutto 
perfetto. 

Ma oltre la siepe
c'è l'ignoto,
tra misteri e buio. 

Solo tanto
AMORE 
ci aiuterà.
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Morgana  

Questo autore ha pubblicato 144 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.