<Ciao, ti ricordi di me?
Ci tenevamo per mano, un giorno,
in lunghe passeggiate tra anime e cuori,
viaggiando nel pieno di noi due.
Ti ricordi me?
Sono quella dei lunghi abbracci,
dai baci teneri e delle carezze sentite.
Come non ti ricordi?
Ci guardavamo negli occhi
e ci perdevamo nell'infinito,
sfidando il mare, il sole e la luna.
Vedi bene, forse sono rimasta li...
dove mi hai lasciata tu,
in un ricordo, per non soffrire.
Come fai a non ricordare!
È impossibile!
Eravamo la radice delle aurore
che entravano dalla finestra
del nostro focolare, colmo
dell'odore dei nostri corpi
che nella notte prima s'eran fusi.>
Abbassi gli occhi per non guardarmi,
abbassi le spalle per non sussultare,
abbassi la guardia ed approfitto di nuovo,
chiedendoti con le lacrime agli occhi:
<Ciao, ti ricordi di me?>

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 292 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

miranda
+1 # miranda 19-11-2019 11:50
Dolcissima...
Passione infinita
+1 # Passione infinita 20-11-2019 22:49
dolce e intensa
Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 24-11-2019 15:36
La sento molto triste...mi ricorda la malattia di una persona a me molto cara che non ci riconosceva più...forse mi sbaglio io, sei davvero molto brava complimenti.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.