Groviglio d'emozioni, impavide, cercano me,
sotto uno strato di vestito... sopra la scia di brividi.
Vittime ancora e sempre... di ardenti letti,
dove ancora una volta... di questo fuoco,
le ustioni arrivano dritte al cuore.
Ancora e sempre... brucio in silenzio.

S'insinua nella mente l'incertezza della mano,

che scrive in rosso sulla pelle, la parola "inizio"...
e barra in nero lo spazio per la parola "fine"...
indecisa dal lasciar la penna, incide i nostri timori.
Attraversiamo il pensiero scambiato da uno sguardo,
riscendiamo giù... di nuovo... ancora... sempre.


E si ritorna... nella matassa di gambe e braccia,

tra quelle lenzuola ancor calde di noi... carnefici
ancora e sempre nella lussuria di questi corpi agguerriti...
furiosi bramano il sapore pudico della libidine.
Restiamo legati tra i sospiri e tra attimi indecenti
ancora una volta... sempre di più!

1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 261 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.